Annunciazione di Lodovico Mazzanti

Olio su tela
fine XVII secolo
Lodovico Mazzanti
cm. 97 x 73
 

L’ Annunciazione esposta presso il Museo segue l’indirizzo promosso dal Concilio di Trento (1545-1563)
che nella XXV sessione dei lavori (13 dicembre 1563) emanò un decreto sulle immagini sacre rafforzando la tesi della Chiesa di Roma su alcune verità contestate dai protestanti. Nello specifico l’annuncio angelico dell’Immacolato Concepimento, la Verginità della Madonna e il suo ruolo nella Redenzione divenivano il cardine teologico e il centro della devozione.

I caratteri compositivi di largo respiro che caratterizzano la pala raffigurante l’Apparizione della Vergine a S. Lucia conservata nella cappella di S. Lucia nella Cattedrale di Viterbo, il disegno impeccabile, il carattere incisivo delle figure alleggerito da un colore luminoso, acceso da una luce chiara, fanno assegnare a Ludovico Mazzanti, nato a Roma da famiglia orvietana, anche questa Annunciazione proveniente dalla chiesa Suffragio di Viterbo.

Seguendo la letteratura devozionale di epoca barocca, l’interno domestico si è dissolto, sostituito da una gloria angelica. Una interpretazione trionfale dell’evento in cui si fondono il cielo e la terra.

Il dipinto in questione va datato ad un momento della piena maturità dell’artista, cioè ad un tempo non lontano stilisticamente dal momento de Il trasporto della Santa Casa, ipoteticamente attorno al 1750, anch’essa nella nostra collezione.

Le due tele viterbesi dell’artista conservate nel nostro Museo si aggiungono a quelle già note nel capoluogo. L’artista aveva legami familiari a Viterbo, e dunque non è strano trovarvi altre opere.

La Madonna al Sepolcro nella chiesa dei Santi Faustino e Giovita, la Visione di Sant’Ignazio a La Storta, già nella chiesa viterbese di Sant’Ignazio assegnatagli dallo Scriattoli, il Crocefisso nella stessa chiesa, la Vergine Addolorata in collezione privata, oltre alla Pala di santa Lucia della cattedrale sono alcune di queste.

BIBLIOGRAFIA

– G. Tiziani, Immagini della Vergine. Dipinti dal territorio della Diocesi di Viterbo, Edizioni Archeoares, Viterbo 2014

Condividi :