Fra le righe

7,0010,00

Il tempo è protagonista di gran parte delle poesie raccolte in questo volume. Il tempo, “mostro”  ed  “edax” (divoratore), travolge tutto “in un oceano d’infinito silenzio”.

Svuota

Descrizione

Scarica la preview cliccando qui.

Raccolta di poesie e di racconti.

Il tempo è protagonista di gran parte delle poesie raccolte in questo volume. Il tempo, “mostro”  ed  “edax” (divoratore), travolge tutto “in un oceano d’infinito silenzio”. La soluzione a tanto scempio è nella fede. Il limpido mare eoliano “accende” il pensiero fino a suscitare “sete d’Infinito” e un “respiro di stelle” induce a cogliere “silenziosi richiami d’Eterno”. L’abbandono totale alla fede trova così l’espressione: “…m’acquieto/ come stretto alla madre un bimbo/ nell’ora che imbruna. Filo conduttore dei racconti è il mistero, che genera inquietudine o addirittura terrore. L’arcano può trovarsi all’esterno dell’essere umano o all’interno, nella sua psiche, oppure, cosa ancora più inquietante, all’interno e all’esterno, contemporaneamente. “E’ vero che quello è un punto interrogativo?” domandò Adriana, indicando un luogo lontano … Proprio così, sul corpo del vulcano campeggiava un inequivocabile, inspiegabile, ingiustificabile punto interrogativo … Chi si stava ponendo un quesito? A chi veniva rivolta quella domanda?”. ” …lei si fermava un momento, si concentrava e provava a “correggere” la realtà, immaginando che tutto si fosse svolto nel modo a lei più gradito”. “Decise di darsi un po’ di trucco, prese da un armadietto la sua crema per il viso, fece luce e … si guardò allo specchio. Chi c’era nel suo bagno? Chi era la persona riflessa nel suo specchio?”. L’apparizione di una figura angelica che dovrebbe infondere sicurezza, può produrre invece diffidenza e incredulità. “Non hai ancora capito? Io sono .. un angelo” “Vuoi scherzare? Gli angeli non esistono … comunque se esistessero non sarebbero come te” … “Cosa ti aspettavi che venisse in tuo aiuto l’Arcangelo Gabriele o uno dei Serafini? Hai mai sentito parlare di gerarchie angeliche?”. C’è anche un angelo affetto da una strana fobia e, solo per opera di  una bambina inconsapevolmente “medium”, riuscirà a guarire. Esseri umani che hanno bisogno di entità divine e viceversa. Realtà che rassicura, surrealtà che inquieta, ma anche al contrario. Reale e surreale, divino e umano s’incontrano in un gioco di contrasti e di affinità, che si svolge fra terra e cielo.

Per contattare l’autrice: dorotea.amato@libero.it

Informazioni aggiuntive

Formato

E-Book, Rilegato