Tuscia Wellness&Culture – un progetto di internazionalizzazione

fesr lazio

Tuscia Wellness&Culture

Internazionalizzazione del territorio attraverso l’attività delle imprese con il sostegno di Lazio Innova.

E’ in corso dal novembre 2018 un esperimento di internazionalizzazione delle imprese e della Tuscia promosso da Salus Terme ed Archeoares.

Le due società stanno provando a realizzare, a seguito della vittoria dell’avviso pubblico “Contributi per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio 2018”. Il progetto ha la finalità di aumentare i flussi turistici dall’estero integrando sempre più l’offerta termale e spa con quella culturale.

L’avviso pubblico è finanziato con fondi POR FESR Lazio 2014-2020. Azione 3.4.1 – “Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale”.

bit milano 2019

Un altro passo sul percorso dell’internazionalizzazione

L’assegnazione del contributo ha permesso alle due società viterbesi di continuare il processo di internazionalizzazione già avviato sia in forma aggregata, con la rete ELT e la rete Viterbo Capitale Medievale, che singolarmente.

Ormai da oltre cinque anni le due società sono in prima fila nell’obiettivo di internazionalizzare sempre più la Tuscia e la città di Viterbo. Il primo passo è stato ovviamente l’adeguamento dei servizi offerti nell’hotel e nei monumenti gestiti (vedi il Palazzo dei Papi di Viterbo, la Rocca dei Papi di Montefiascone, il Palazzo Doebbing a Sutri etc.).

L’esperienza maturata in occasione di altri progetti (vedi “Tuscia Beyond Borders”) e le ripetute partecipazioni a fiere hanno permesso di studiare una serie di azioni da proporre in occasione dell’avviso pubblico che hanno permesso di ottenere il finanziamento.

Grazie a questo supporto le due società hanno invitato nuovi operatori nella Tuscia, stabilito nuovi partenariati internazionali, partecipato a fiere internazionali (in Italia la BIT di Milano e la TTG di Rimini) e adeguato l’offerta anche ad altri mercati prima non raggiunti.

In questo momento siamo ancora nella fase del lavoro la speranza, per le imprese ed il territorio, è che i primi risultati possano cominciare a vedersi in tempi brevi. Nel frattempo però è disponibile già un prodotto che combina wellness e cultura dal nome “Beata cultura“.

 

 

Condividi :