SEZIONE ARCHEOLOGICA

Visitare il Museo significa ripercorrere la storia del colle del duomo e quindi della città di Viterbo sin dalle epoche più remote. Nella parte archeologica sono fruibili reperti villanoviani, etruschi, romani e medievali. E’ presente un piccolo saggio di scavo realizzato in occasione dei lavori di costruzione del Museo.

Urna villanoviana

Ceramiche e bronzi

Ceramiche e bronzo X a.C. – I a.C.   Questa vetrina ospita una serie di ceramiche realizzate in diverse epoche e da differenti civiltà a testimoniare la continuità degli insediamenti nella Tuscia. Il pezzo più antico è l’urna biconica con decorazioni geometriche incise. Questa produzione villanoviana (X-VIII a.C.) era utilizzata per le sepolture ad incinerazione…

Leggi tutto

Cippo etrusco

Nenfro Ignoto Epoca tardo etrusca cm. 50 x 96 x 52    Viterbo ricade nell’area dell’Etruria meridionale interna. Solo nel territorio del comune di Viterbo sono presenti notevoli necropoli rupestri, differenti quindi da quelle dell’Etruria costiera del tipo di Tarquinia. Le necropoli rupestri più note sono quelle di Castel d’Asso e di Norchia, ma in…

Leggi tutto

sarcofago etrusco del II secolo a.C.

Sarcofago etrusco in terracotta

Terracotta II sec. a.C. cm. 189,5 x 47 x 47   I sarcofagi etruschi più caratteristici, e che più hanno influenzato l’immaginario popolare, sono sicuramente quelli con la copertura a kline. Venivano realizzati in pietra (spesso in nenfro) o terracotta. Questo sarcofago proviene dalla vicinia Tuscania dove la produzione di sarcofagi fittili inizia dal III secolo…

Leggi tutto

Dea dell'abbondanza

Dea dell’abbondanza

Marmo epoca romana cm. 85×63   Statua marmorea di epoca romana, raffigurante la dea dell’abbondanza. Simbologie che ne confermano tale ruolo sono le numerose mammelle (o testicoli di toro), la ghirlanda di ghiande ed i segni zodiacali (ariete, toro, gemelli, cancro, leone) che identificano i mesi da marzo ad agosto, propizi per la semina e…

Leggi tutto

Capitello da Ferento

Capitello da Ferento

Marmo epoca romana cm. 62 x 52 x 52   Semi capitello decorativo proveniente da Ferento, ricavato da un monolite marmoreo ritrovato durante i lavori di restauro di inizio XX secolo all’interno dei locali dell’archivio diocesano. Sul lato sinistro, parte di un’iscrizione di epoca romana, ricostruita come segue: “Impe(ratori) Ca(esari)/ (Fl)avio Co(stan)/tino Pio(felici)/(in)victo M(aximo Augusto)/…

Leggi tutto

Arco di ciborio

Arco di ciborio

Peperino VIII-IX sec. cm. 130×55   Il ciborio è un termine dalla difficile definizione perché, benché indichi principalmente una struttura quadrangolare fissa che sormonta l’altare, in genere aperta da ogni lato, il suo uso è stato esteso per indicare altre parti come ad esempio il tabernacolo. Questo arco presenta una decorazione ad intreccio con al centro due pavoni affrontati.…

Leggi tutto

Capitello di Magister Guilelmus

Capitello di Magister Guilelmus

Marmo Magister Guilelmus XII secolo cm. 30 x 27 x 23   Questo capitello è stato recuperato durante i restauri della chiesa di S. Silvestro (oggi del Gesù), dove era stato riutilizzato come acroterio nella sommità della facciata; è un capitello istoriato e firmato. Il capitello è scolpito su tre lati, il quarto sembra grezzo e comunque è parzialmente danneggiato. Vi è scolpita l’Adorazione…

Leggi tutto