Maestro Gerolamo – De balneis Viterbiensibus

9,50

«[…] Quare Sanctissime pater et domine ad Vestre Sanctitates pedes honorem hoc opusculum direxi, nihil conscribens mendacii, nisi quod sensu percipere valui et ipsarum aquarum virtutibus […]» prendendo come esempio le parole di Maestro Gerolamo il presente contributo mira ad approfondire le peculiarità terapeutiche delle terme di Viterbo proponendo un’analisi storico-critica, un’edizione e traduzione del trattato della seconda metà del XIV secolo composto per Innocenzo VI e intitolato De balneis Viterbiensibus.

Descrizione

«[…] Quare Sanctissime pater et domine ad Vestre Sanctitates pedes honorem hoc opusculum direxi, nihil conscribens mendacii, nisi quod sensu percipere valui et ipsarum aquarum virtutibus […]» prendendo come esempio le parole di Maestro Gerolamo il presente contributo mira ad approfondire le peculiarità terapeutiche delle terme di Viterbo proponendo un’analisi storico-critica, un’edizione e traduzione del trattato della seconda metà del XIV secolo composto per Innocenzo VI e intitolato De balneis Viterbiensibus.

Autore

Luca Salvatelli, dottore di ricerca e cultore della materia di Storia dell’Arte Medievale e della Miniatura presso l’Universià degli Studi della Tuscia ha svolto la sua attività di ricerca in Francia, Germania, Inghilterra e Spagna.
Il suo peculiare campo d’indagine si è rivolto in questi anni allo sviluppo della cultura scientifica, medica e filosofica tra XIII e XIV secolo e alla corrispondente produzione miniata legata alla corte pontificia. Ciò gli ha permesso di fornire innovativi materiali atti a delineare l’evoluzione e l’importanza di tale fenomeno ancora parzialmente negletto.